Sicurezza interna dell unione europea

Le questioni di fiducia e difesa della pratica nell'industria sono principalmente legate all'aiuto dell'ambiente naturale. Proviamo a mostrare come l'UE ha normalizzato le normative relative alla sicurezza industriale caso per caso - & nbsp; studi di casi atex.

Dato che la stragrande maggioranza delle macchine e degli utensili è dedicata a svolgere funzioni nelle miniere di carbone, in cui vi è il rischio di esplosione di metano e polveri di carbone, la direttiva 94/9 / CE è discussa in un modo specifico, che viene attribuito a questi minacce.

Nel marzo 1994, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il cosiddetto una nuova soluzione 94/9 / CE significa normalizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative agli strumenti e metodi di protezione che sono progettati per trarre profitto in atmosfere potenzialmente esplosive, che è conosciuta come la direttiva ATEX. & nbsp; & nbsp; In attuazione delle disposizioni dell'articolo 100 del Trattato di Roma, lo scopo principale di questo informazioni è lo scopo del movimento senza problemi delle merci, che darà un alto grado di protezione contro le esplosioni. Tuttavia, questo non era la volontà di un passo fondamentale in materia di armonizzazione della protezione contro le esplosioni nel Accord europea. Quasi venti anni, le persone devono adattarsi ad una serie di direttive giù di lì. vecchio approccio al libero scambio di merci ora incluso nel principio ATEX.

http://it.healthymode.eu/multilan-active-preparazione-per-un-miglioramento-significativo-dell-udito/

La direttiva 94/9 / CE è entrata in vigore a partire dal 1 ° luglio 2003, sostituendo le vecchie direttive di approccio 76/117 / CEE e 79/192 / CEE relative agli apparecchi elettrici destinati a scopi di lucro negli spazi a rischio di attacco aereo e direttiva 82/130 / CEE, che occupa dispositivi elettrici destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive all'interno di miniere di gas. Le procedure di valutazione della conformità basate sul vecchio approccio riguardavano solo i dispositivi elettrici che dovevano soddisfare tutti i requisiti di sicurezza definiti con precisione. Gli studi hanno dimostrato che le piastre elettriche sono solo una fonte di accensione nella metà dei casi. Nel club con questo, contrassegnato nei principi del vecchio approccio di minacce solo alla natura dell'elettricità sono pochi sufficienti per ottenere un ambito di protezione profondo, che è richiesto dal regolamento 100a del trattato di Roma.